Sono davvero tante le storie che rimbalzano in questi giorni sulle varie piattaforme web di comunicazione, alcune sembrano inverosimili, altre commuovono, altre ancora fanno sorridere. È la nostra quotidianità, così monocorde, ma allo stesso tempo così terribilmente diversa ad interpretare sulle tavole di un virtuale palcoscenico i tanti modi di vivere di ciascuno, e anche ….di se stessi. È l’arte del vivere, del continuare a relazionarsi con gli altri anche quando i codici alfanumerici da timidi usurpatori di spazi comuni sono diventati oggi, grazie al coronavirus, i padroni assoluti. Uno scambio immenso di parole, di frasi, di aneddoti, di racconti. Un bagaglio personale di ciascuno da condividere con gli altri. Ecco perché abbiamo pensato a questa iniziativa. Se hai qualcosa da raccontare prova a scriverla. Farà bene a te e a tutti noi.

 

Carlo De Cesare

‘A QUARANTENA

Vurria durmi’, comme mai fatto in vita mia,
pe’ fa ‘nu suonno luongo senza posa,
scetarme quanno è fernuta ‘a malatia,
quanno a ‘stu munno è passato tutte ccose.

Scetarme ca’ già fosse primmavera,
pe’ restà all’aria aperta, a cammenà,
pe’ respirà cu’ n’ata atmosfera
e riscuprì ‘o piacere ‘e s’abbraccià.

Pe’ riscuprì l’abbraccio cu’ n’amico,
darse ‘nu vase pe’ se salutà,
ritruvanno chillu sapore antico,
ca’ primma ‘a pressa nun c’’o faceva fa.

Ma mo’ nun se po’ fa, mo’ jà sta ‘nzerrato,
nun puo’ ascì, sinnò piglie l’infezione.
Pe’ piglià l’aria già si’ furtunato
si tiene dint’’a casa ‘nu balcone.

E accussì tutta ‘a gente canta e sona
esce fore ‘e balcune pe’ cantà.
Comme si’ po’ bastasse ‘overo ‘na canzone
pe’ caccià ‘o male o pe’ l’esorcizzà.

Hamma fa ‘a quarantena tutte quante,
chiuse int’’a casa, senza putè ascì.
‘A gente sta priganno tutte ‘e Sante,
basta ca chistu fatte avvia a fernì.

E guarda sempe e sulo ‘e notiziarie,
pe’ sapè quale songo ‘e nuvità.
‘E fanno sempre, ‘e danno a tutte orarie
ma ce portano tensione ed ansietà.

Pur’io ‘e guardo pe’ rimanè aggiurnato,
ma ‘e vvote nun c’’a faccio d’’e sentì
e resto ‘ncoppa ‘o divano addubbechiato,
cu ll’uocchie ‘nchiuse, quase pe’ durmì.

Vurria durmi’, comme mai fatto in vita mia,
pe’ fa ‘nu suonno luongo senza posa,
scetarme quanno è fernuta ‘a malatia,
quanno a ‘stu munno è passato tutte ccose.

Scetarme ca’ già fosse primmavera,
pe’ restà all’aria aperta, a cammenà,
pe’ respirà cu’ n’ata atmosfera
e riscuprì ‘o piacere ‘e s’abbraccià.

LA QUARANTENA

Vorrei dormire, come non ho mai fatto in vita mia,
per fare un lungo sonno senza sosta,
svegliarmi quando la malattia è finita,
quando al mondo è passato tutto.

Svegliarmi che sia già primavera,
per restare all’aria aperta, a camminare,
per respirare in un’altra atmosfera
e riscoprire il piacere di abbracciarsi.

Per riscoprire l’abbraccio di un amico,
darsi un bacio per salutarsi,
ritrovando quell’antico piacere,
che prima la fretta non ci consentiva di fare.

Ma adesso non si può fare, devi stare chiuso,
non puoi uscire, altrimenti ti infetti.
Per prendere un po’ d’aria, sei già fortunato
se hai un balcone in casa.

E così le persone cantano e suonano,
escono sui balconi per cantare.
Come se poi potesse bastare davvero una canzone
per cacciare il male o per esorcizzarlo.

Dobbiamo tutti fare la quarantena,
chiusi in casa, senza poter uscire.
Le persone pregano i loro Santi,
purché finisca tutto al più presto.

E guardano sempre e soltanto i notiziari,
per sapere le ultime novità.
Li fanno sempre, a tutte le ore,
ma ci creano tensione ed ansietà.

Anche io li guardo per essere aggiornato,
ma alle volte non resisto ad ascoltarli
e rimango sul divano, assopito,
con gli occhi chiusi, quasi a voler dormire.

Vorrei dormire, come non ho mai fatto in vita mia,
per fare un lungo sonno senza sosta,
svegliarmi quando la malattia è finita,
quando al mondo è passato tutto.

Svegliarmi che sia già primavera,
per restare all’aria aperta, a camminare,
per respirare in un’altra atmosfera
e riscoprire il piacere di abbracciarsi.

MARIO DE CESARE